Il Marchese di Caccavone

Raffaele Petra, Marchese di Caccavone nacque a Napoli nel 1798. Sua padre fu fautore della Repubblica Partenopea del 1799 e con la restaurazione borbonica fu costretto all’esilio (1816).
Raffaele non condivise i moti del 1820-21 e appoggiò la monarchia. Divenne funzionario dello Stato. Successivamente ebbe seri ripensamenti circa le proprie concezioni politiche e sposò la causa repubblicana e liberale, senza peraltro compromettersi con il regime monarchico.
Fu uomo equilibrato e colto, esemplare marito e padre di famiglia. Ebbe una profonda passione per la letteratura a cui si dedicò con un tratto brioso e caustico.
Il Petra rappresenta egregiamente un esempio di quella letteratura regionale, che pur non elevandosi ai livelli alti della letteratura nazionale, esprime un’autentica vocazione artistica.
Il marchese di Caccavone morì a Napoli nel 1873. Un suo biografo riporta che poco prima di morire scrisse i seguenti versi:
Gli occhi mi vengon meno
mi son talmente infidi,
che nitida la morte
veggo qual mai non vidi.
Sordo divengo appieno,
lubricamente invecchio,
sento l’eternità
e la mia sordità
me ne parla all’orecchio.
Riportiamo alcuni componimenti poetici nei quali la spigliatezza espressiva veicola un sano senso dell’erotismo.
UN TURCO DA BURLA
Torna dalla Turchia donna Clemenza
e narra alla contessa donna Rosa
che i turchi (cosa nuova!) hanno licenza
di prender mogli e concubine a iosa.
“Che gusto!” esclama il conte. “Io mi farei
turco a tre code!” Con santa pazienza
lo redarguisce lei:
“Meglio tu sia cristiano,
saresti turco invano!”
PER IL DIVORZIO DEI CONIUGI JABECK
Sciolto è il gran nodo; ed ecco
ogni contesa estinta.
Or più che mai, si chiama ella Gia-cinta,
egli, il conte Gia-becco.
MOLTO RUMORE PER NULLA
Il conte è sulle furie
però che la contessa ha desinato
senza di lui… N’è nato
un chiasso! Eh, via, che matto!
ella, senza di lui, ben altro ha fatto…
PRECISAZIONE
A Lia dice il contino:
“Sposarvi, sì, vorrei;
ma non restarci corto:
voi faceste un bambino!”
“Se è questo, avete torto”,
gli rispose colei:“feci solo un aborto”.
‘A CUNFESSIONE ‘E TANIELLO
Taniello, ch’ave scrupolo,
mo che se vo’ nzurà,
piglia e da Fra Liborio
va pe se cunfessà.
“Patre –je dice- io roseco
e pe niente me mpesto;
ma po dico ‘o rusario,
e chello va pe’ chesto…
Patre, ncuollo a li femmene
campo e ncoppo a ‘o burdello;
ma sento messe e predeche
e chesto va pe’ chello.
Jastemmo, arrobbo… ‘O prossimo
spoglio e lle dongo ‘o riesto;
ma po’ faccio ‘a lemmosena…
e chello va pe’ chesto.
E mo, Patre, sentitela
st’urdema cannunata:
‘a sora vosta, Briggeta,
me l’aggio ‘nzapunata…”
Se vota Fra Liborio:
“Guagliò, tu si’ Taniello?
Io me ‘nzapono a mammeta,
e chesto va pe’ chello!”
AD UNA GIOVAIN SIGNORA
Va da me lungi, vanne…
dà ad altri la tua fé!
Mo tengo sittant’anne,
Nannì, che vuo’ da me?...
Insuperato atleta,
natura a me largì
nu cazzo d’otto deta
ca te putea servì…
Oggi esso è gloria vecchia,
un vanto che già fu,
nu passo, na pellecchia
ca piscia e niente cchiù…
Finor quanto ho potuto,
l’arte lo ridestò;
mo è gghiuto, è proprio juto,
cchiù ncorpo nun ne vo’!
Perché destargli tanta
sete di voluttà?
Comm’’a reliquia santa
sulo lo può vasà!...
L’ONESTA’
Diceva don Lorenzo Iscariota,
tant’è la dignità che il cor mi tocca:
L’onestà di mia moglie a tutti è nota,
e guai a quello che vi mette bocca!
Se lo dice per me, non son sì pazzo
di por la bocca dove ho messo il cazzo…
L’ASTA BRANDITA IN MORTE
Il nostro Don Simone,
che si spaccia per capro ed è montone,
giura che alcuna, in vita,
asta, come la sua, non fu brandita;
e giunge a dir che in morte
la erigerà più forte.
Avrei di lui più stima…
AL MARCHESE GIANNINI
Per far piacer alla novella sposa,
prendi un cotal di vetro e di velluto?...
Caro Giannini mio, quest’è una cosa
da farti diventar becco fottuto!
Piuttosto quando al buio ella riposa,
qualche frate da ben trova in aiuto,
ché per grattar la parte vergognosa
ci vuol un cazzo vero e nerboruto!
Oh! Se sapesse il successor di Pietro
questo d’un sacramento alto strapazzo
fatto con cazzo di velluto e vetro,
gridarìa da’ balconi di Palazzo:
al marito coglion pongasi dietro
e trovisi alla moglie un altro cazzo!...
A DONNA RACHELE MECCOLI GAZZAITI
Rachel, sapresti a dirci quanti mai
cazzi pigliati hai tu ne’ giorni tuoi?
Se pochi furo, o pur furono assai
potresti francamente dirlo a noi?
Tu rispondi ridendo: ahi, ahi
chi mai disse ad altri i fatti suoi;
però per contentarvi io dirlo omai
il voglio onde ridiate anche voi.
Saper dunque dovete che nel cielo
tante stelle non son, tanta nel mare
acqua non è, tant’orso non ha pelo,
quanti cazzi ho pigliato, ed ho a pigliare;
ma ciò che vi farà restar di gelo
è sol che men posso saziare…
Raché, bonprode, tiene st’appetito
de cazzi forastieri e de cetate!
Ché si contà li boglio co lo dito
de dece mise nc’è ne necessitate!
Apprimmo lo buonommo Cazzaito
te fice lo servizio, nzanetate;
ma mone lo scurisso juto è a l’acito;
le corna nce n’haje fatte a sazietate.
Appriesso sta purchiacca fetentona
scercata te l’ha senza riguando
ogne ceto, ogne grado, ogne perzona.
E nfi pe non mme fa restà busciardo,
ntra sti tanta carniente pe corona
nce haje mpenzato purzino don Lunardo.
A MICHELE D’URZO
Oi, don Miché, mo ca lu rre clemente
Tha fatto culunnello e cavaliere
Io, ca stongo a luntano e tengo mente;
n’aggio nu sacco e mmiezo de piacere.
Però quanno ire schitto nu tenente
tiene chello can un può tenere;
allora, iere chiamato da la gente
lu cappadozio de li puttaniere.
Na dragona de cchiù t’egne li sacche;
ma però nun dà forza e nun se tosta
chello ca serve a sfucunnà li ppacche.
Ne le figliole, oi don Miché, so ciucce
a chisto munno pe disgrazia nosta
vanno truvanno cazze e no fettucce.

RICHESTA INFORMAZIONI: Il Marchese di Caccavone


security code
Privacy* Art. 13, D.Lgs. 196/2003.
Iscriviti alla Newsletter.