FRIEDRICH NIETZSCHE “Così parlò Zarathustra”

Quando tra i marinai corse voce che Zarathustra era sulla nave – poiché insieme con lui era venuto a bordo un uomo che veniva dalle isole beate, - ne nacque grande curiosità e attesa. Ma Zarathustra tacque per due interi giorni ed era nella sua tristezza così freddo e sordo, da non rispondere né a sguardi né a domande. Ma la sera del secondo giorno egli riaprì le sue orecchie, sebbene continuasse a tacere: poiché v’erano molte cose strane e pericolose da ascoltare su quella nave che veniva di lontano e voleva andare ancora lontano. Ma Zarathustra era amico di tutti coloro che compiono lunghi viaggi e non sanno vivere senza pericolo. E guarda! Alla fine ascoltando gli si sciolse anche la lingua, e il ghiaccio del suo cuore si spezzò: - allora incominciò a parlare così:
a voi, audaci nel cercare e nel tentare e a chi mai s’imbarcò con accorte vele su terribili mari. –
a voi ebbri di enigmi, amanti d’ogni luce crepuscolare, la mia anima è attratta da flutti verso ogni voragine dell’io:
e poiché voi non volete seguire con mano codarda un filo; e dove dovete ‘indovinare’ odiate ‘dischiudere’,
a voi solo racconto l’enigma che vidi, - la visione del più solitario.
Tetro me ne andavo, non molto tempo fa, in un cadaverico crepuscolo, tetro e duro, le labbra serrate. Non soltanto un sole mi era tramontato.
Un sentiero, che saliva ostile tra il pietrame, maligno, solitario, abbandonato anche da erbacce e arbusti, un sentiero di montagna scricchiolava sotto l’assalto del mio piede.
Muto camminando su uno schernevole crepitio di ciottoli, calpestando la pietra che lo faceva scivolare: così il mio piede si faceva strada verso l’alto.
Verso l’alto: - a dispetto dello spirito, che lo attirava verso il basso, verso l’abisso, a dispetto dello spirito di gravità, il mio demonio e nemico mortale.
Verso l’alto: - sebbene fosse seduto su di me, mezzo nano, mezzo talpa; storpio e storpiante; piombo nel mio orecchio, stillando pensieri – gocce-di-piombo nel mio cervello.

RICHESTA INFORMAZIONI: FRIEDRICH NIETZSCHE “Così parlò Zarathustra”


security code
Privacy* Art. 13, D.Lgs. 196/2003.
Iscriviti alla Newsletter.