"Plexus"

Henry Miller in "Plexus" scrive: "Disgraziatamente Cleo non vi era più, al suo posto trovai una giovane bionda piacente, la quale da capo a piedi sembrava una massa bollente di sensualità. Dopo qualche chiacchiera con lei tra le quinte, la persuademmo a bere un bicchierino con noi a spettacolo finito. Era una di quelle mignatte senza cervello e senza trippa come ne crescono a Newark o a Sandusky e luoghi simili. Rideva come una iena. Aveva promesso di presentarmi al comico che era il suo amico del cuore, ma egli non venne. Alcune ragazze del balletto entravano a gruppetti; vestite erano anche più orribili, povere disgraziate. Attaccai discorso con una di loro al bar. Scoprii che, strano a dirsi, studiava il violino! Brutta come il peccato, senza ombra di sesso, ma intelligente e simpatica. Ned si mise a lavorare la bionda, sperando contro ogni speranza di poterla condurre nello studio per una sveltina...".

RICHESTA INFORMAZIONI: "Plexus"


security code
Privacy* Art. 13, D.Lgs. 196/2003.
Iscriviti alla Newsletter.