Gioacchino Belli

Gioacchino Belli, grande poeta in assoluto, è molto "esplicito" nei suoi sonetti e generalmente riesce ad esprimere anche una comicità
inarrivabile.
Ne è un esempio il sonetto che riportiamo: "Che voi che seguitassi! Antre campane / ce vonno, sor Mattia, pe quer batocco! / L'ho sentit'io ch'edèra in nel'imbocco! / Ma fréghelo, per dio, che uccello cane! / Ma cosa ha d'accadé mò a le puttane! / de sentimme brucià quanno me tocco! / Si è tanto er companatico ch'er pane, / qua semo a la viggija de San Rocco. / N'ho sentiti d'uccelli in vita mia / ma quanno m'entrò in corpo quel tortore / me ce fece strillà Gesummaria! / Madonna mia del Carmine, che orrore! / Cosa de facce un zarto e scappà via / ma nun me frega più sto Monzignore."

RICHESTA INFORMAZIONI: Gioacchino Belli


security code
Privacy* Art. 13, D.Lgs. 196/2003.
Iscriviti alla Newsletter.